X
IT EN

Centro Commerciale I Malatesta

  • Rimini

  • 2005

  • Foto: D. Domenicali

Una serie complessa di tipologie di prodotto, dalle facciate a doppia pelle, alle finestre a nastro, ai lucernai, ai vetri "ad onda"

Per i Malatesta è stata realizzata una serie complessa di tipologie di prodotto, dalle facciate a doppia pelle, realizzate con vetri ad onda, alle finestre a nastro poste sui prospetti laterali; i lucernai che rappresentano buona parte della superficie di copertura, gli speciali vetri “ad onda” ornamentali situati nelle gallerie interne, le porte vetrate e quelle tagliafuoco, le serrande e le vetrine interne dei negozi. Particolarità del prospetto principale è quella di essere a doppia pelle, cioè di due facciate, delle quali una è strutturale, mentre l’altra, quella costituita da vetri a onda, puramente ornamentale, ed è sostenuta da staffe in acciaio inox satinato, realizzate secondo la normativa sismica vigente.

I vetri della facciata strutturale sono magnetronici a controllo solare, di produzione tedesca. Gli stessi vetri si trovano nei grandi lucernai, tutti con prestazioni, rispondenti alla normativa in materia di risparmio energetico. Una caratteristica del rivestimento interno a onde (dal quale scendono rivoli d’acqua) è quella di essere ellittica, ciò ha reso necessario uno studio a monte molto complesso, in quanto ogni vetro è dissimile dall’altro e per ogni elemento è stato realizzato un calco apposito. La difficoltà maggiore ha riguardato il lucernaio sopra i tapis roulant, in quanto, oltre a essere ellittico, in sezione verticale presenta una curvatura, e dunque ha impegnato un grosso lavoro di progettazione 3D per realizzare con esattezza, oltre ai vetri, le lamiere di finitura, il taglio dei profili e delle strutture in acciaio. Tutto il processo progettuale è durato sette mesi circa, mentre la produzione è risultata molto più veloce.

Sistemi utilizzati

  • Facciate continue a doppia pelle

  • facciate a nastro

  • porte vetrate

  • lucernai e speciali vetri a 'onda'

Architetti

Andrea Brunelli