X
IT EN

MAST Manifattura di Arte, Sperimentazione e Tecnologia

  • Bologna

  • 2013

  • Contractor: Coop. Cesi

Edificio Polifunzionale (museo, auditorium, asilo, ristorante, palestra)

MAST è un centro polifunzionale a disposizione dei collaboratori di Coesia e della comunità bolognese, con vari servizi che includono: uno spazio espositivo, un auditorium, un’accademia per l’innovazione e l’imprenditorialità, un nido per l’infanzia, un wellness center, un ristorante aziendale e una caffetteria aperta al pubblico. L’edificio, caratterizzato da due rampe pedonali poste lungo l’ingresso, è costituito da tre piani fuori terra e tre interrati (contenenti i parcheggi e i depositi) per complessivi 25.000 mq ed è stato progettato con una doppia facciata vetrata e con caratteristiche di sostenibilità ambientale. L’immagine complessiva di MAST è quella di un edificio leggero, traslucido e mutevole. Il rivestimento in pannelli di vetro serigrafato, che corre lungo tutta la struttura, passando anche davanti alle pareti opache, associato alle lamelle di alluminio, restituisce un’immagine uniforme e al tempo stesso liquida. Di notte l’edificio diventa un oggetto luminoso, lasciando intravedere la vita delle persone che si muovono all’interno dei suoi spazi.

Sistemi utilizzati

  • Facciata a montanti e traversi a doppia pelle con ornati esterni in legno

  • Facciata montanti e traversi a doppia pelle con pelle esterna in vetro serigrafato

  • Facciate a montanti e traversi con frangisole esterni verticali in alluminio

Architetti

Labics architetti

Labics è stato fondato nel 2002 da Maria Claudia Clemente, Francesco Isidori, con l’intento di convogliare, sotto un unico nome, architetti, artisti e designer che si riconoscono in un comune progetto di sperimentazione nel campo dell’architettura. La ricerca di Labics tende ad una architettura capace di superare la condizione di oggetto singolare, verso una architettura che si fa territorio, sfondo e struttura. Territoriale e strutturata l’architettura di Labics individua principi insediativi capaci di instaurare relazioni dialettiche con il contesto e di costruire un campo aperto di possibilità, uno spazio pubblico e condiviso. Il campo della ricerca e della sperimentazione è ampio e contro ogni tentativo di specializzazione; idee ed immagini circolano all¹interno dello studio a tutte le scale: il flusso è continuo e coerente dal piccolo spazio abitativo ai grandi progetti urbani; in una sorta di laboratorio permanente di ricerca e sperimentazione. Il principale lavoro di ricerca dello studio attualmente in corso è Borderline Metropolis, progetto di indagine sulla città di Roma che pone le basi per un nuovo modello di città. Le opere dello Studio Labics sono esposte e pubblicate in tutto il mondo ed hanno ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali. Lo studio è stato candidato per il Mies van der Rohe Awards sia con il progetto del MAST che Città del Sole.