X
IT EN

PARK HOUSE

  • Londra

  • 2013

  • Contractor: Mace Limited

  • Foto: Charlotte Wood Photography

Edificio Direzionale e residenziale che occupa un intero isolato di circa 0,42 ettari all’indirizzo di 453-497 Oxford Street e 47 North Row.

L’edificio, dalla peculiare geometria a doppia curvatura (sia sul piano verticale che su quello orizzontale), nasce dallo sviluppo progettuale della forma evoluta dello sferoide prolato. Il raccordo degli elementi sui due piani si congiunge nei quattro vertici dell’edificio mediante spicchi conici. Questa elegante geometria viene caratterizzata, inoltre, da costolature trasversali realizzate mediante la giustapposizione di estrusi in alluminio. Dette costolature evidenziano dei macro-aggregati di cellule, richiamando una forma aggettante Interessante la proiezione verso l’esterno di 4,5° (piano verticale) della superficie vetrata al piano terra. La riqualificazione ha compreso la demolizione di edifici precedenti e la costruzione di un nuovo unico edificio di 8 piani fuori terra, un piano terra e due piani interrati. Il nuovo edificio fornisce tre distinte aree di utilizzo: negozi, uffici e abitazioni residenziali. La zona commerciale è posta al piano terra e primo piano; con una certa flessibilità nell’accogliere una vasta gamma di unità di varie dimensioni. La superficie generale dell’area commerciale è di circa 8.979 m2. La zona uffici è posta nella parte ovest dell’edificio sopra lo spazio commerciale, dispone di un ingresso indipendente, a piano terra su Park Street, con una vasta hall a doppia altezza, un atrio ascensori che comprende anche una zona dedicata per l’accesso diretto degli automobili e il disimpegno dei passeggeri. La superficie totale uffici è di circa 15.626 m2. La zona commerciale è distribuita su sette piani, la cui superficie in pianta varia di dimensione man mano che si sale. Lo spazio è configurato in modo da consentire la massima flessibilità, alloggiando locali singoli, doppi o multipli per piano tipico. L’area residenziale prevede 39 unità private disposte su un nucleo centrale al quale si accede da un ingresso appartato sul piano terra. Vi sono unità di varie dimensioni: appartamenti da una, due o tre camere da letto e degli attici al piano superiore che dispongono inoltre di balconi esterni. La superficie totale della zona residenziale è di circa 5.695 m2. Nell’angolo sud-ovest del complesso, su North Row, si trova un atrio centralizzato per i veicoli coinvolti nel carico e scarico merci che serve l’intero edificio con area di parcheggio custodito 24 ore. Il secondo piano interrato, raggiungibile per mezzo di ascensori per automobili, è diviso in due aree separate: quella a servizio della zona residenziale con 46 posti auto e 39 posti per i cicli; quella a servizio della zona direzionale con 10 posti auto e 226 posti per i cicli. Inoltre, sempre su North Row vicino agli ascensori per automobili, vi sono delle aree di transito temporaneo per evitare eventuali intralci alla circolazione stradale.

Sistemi utilizzati

  • Facciate "piani Tipo", cellule semi-strutturali a ritegno meccanico

  • Facciate"piano Terra" a montanti e traversi con fin strutturali in vetro

  • Elementi frangisole verticali in alluminio

  • Balaustre

Architetti

Robin Partington & Partners

Dopo 17 anni di collaborazione con lo Studio Foster Associates (1984-2001) e 8 anni di attività presso Hamilton Associates (2001-2009), l’architetto inglese fonda il proprio studio nell’ottobre del 2009 in New Oxford Street, nel cuore del West End di Londra. Robin Partington & Partners è uno studio giovane e moderno, un laboratorio di idee dove si creano ambienti attraenti per vivere e lavorare, ricchi di dettagli e peculiarità. I progetti riguardano diversi settori sia pubblici che privati, da case di residenza a grandi progetti di uso commerciale e misto, compresa la pianificazione urbanistica. È una progettazione che si rinnova per ogni progetto, senza etichette, né stili precostituiti, particolarmente attenta a rispettare le caratteristiche ambientali e culturali del territorio, rafforzando il senso di identità e di luogo, nei confronti dei fruitori dell’edificio.