X
IT EN

King's Cross Central - 6 Pancras Square

  • Londra

  • 2015

  • Contractor: Vinci Construction

  • Foto: Charlotte Wood Photography - Edmund Sumner

Edificio Direzionale

Sistemi utilizzati

  • Cellule strutturali

  • Cellule con ritegno a fermavetro rivestite in terracotta

  • Cellule strutturali a fermavetro con fin verticali in alluminio

La tecnologia

Edificio uffici situato a Londra in zona centrale vicino alla stazione internazionale di Saint-Pancras . La realizzazione è di oltre 15.000 m2 di facciate a cellule con tecnologia a silicone strutturale, facciate a doppia pelle compatta, atrio interno, un enorme lucernario a chiusura dello stesso e balaustre terrazzi. Il modulo tipico delle facciate esterne è 2m-1m, l’edificio è caratterizzato dall’alternarsi di vetro e terracotta gialla (realizzata ad hoc) creando tra loro un dinamico contrasto. Le cellule vetrate e di cotto sono state assemblate in Italia come elemento prefabbricato successivamente trasportate in UK per il montaggio. La finitura anodizzata nera degli ornati esterni contribuisce a mettere in risalto la complessa architettura dell’edificio che si integra perfettamente nella cornice urbana di Londra Il piano terra e il piano primo del fronte ovest (prospetto lato Saint Pancras Station) È realizzato con una facciate a cellule a doppia pelle compatta sia per ragioni termiche che acustiche L’atrio interno è costituito da vetri stratificati mono-piano a passo 2m caratterizzato da ornati in alluminio anodizzato nero di grosse dimensioni. I pannelli marcapiano e le colonne sono state realizzate in lamiera microforata fono assorbente cosi da aumentare il confort acustico all’interno degli uffici. Il lucernario a chiusura dell’atrio interno è realizzato con un sistema a montanti e traversi, i vetri di notevoli dimensioni (2m per 4m) sono fissati con un sistema a “chiavette” la sigillatura dei giunti è stata realizzata in opera con silicone nero. Altro elemento che caratterizza il progetto sono le splendide balaustre dei terrazzi panoramici realizzate in continuità con le cellule provenienti dal piano sottostante integrandosi perfettamente nel sistema cellula come unico elemento architettonico.

Architetti

Wilmotte & Associates - Jean Michel Wilmotte

L’architetto Jean-Michel Wilmotte è nato a Soissons nel 1948 e ha studiato interior design presso la scuola di interior design Camondo a Parigi.
Appena due anni dopo la laurea, ha fondato il suo studio a Parigi nel 1975. Il suo stile ha influenzato una serie di personalità tra cui François Mitterrand, che gli chiese di progettare una parte dei suoi appartamenti privati all’Eliseo nel 1982. Subito dopo, il sindaco di Nimes, Jean Bousquet, gli ha commissionato la riqualificazione del municipio e del Museo delle Belle Arti.
Nel corso degli anni, lo studio si è diversificato e opera principalmente in cinque settori chiave: architettura, interior design, museologia, urbanistica e design. L'attenzione ai dettagli permette a Jean-Michel Wilmotte ed al suo team di lavoro, di affrontare ogni tipo di progetto dal più piccolo a quello in grande scala, passando da una casa a un grattacielo, da un negozio ad un headquarter aziendale, da una galleria d'arte ad un museo, fino all’arredo urbano. Il tutto mantenendo una estrema cura nell’uso di materiali nobili e delle finiture di pregio. Attualmente lo Studio Wilmotte & Associates dispone di 185 dipendenti, ed ha preso una chiara dimensione internazionale e multiculturale, con progetti in oltre 20 paesi in tutto il mondo. Lo Studio oggi ha quattro sedi: a Parigi, a Sophia-Antipolis, a Londra e a Seoul.
Nel 2005, la Fondazione Wilmotte è stata creata per promuovere l'innesto urbano attraverso il Premio W, con l'obiettivo di aiutare e incoraggiare i giovani architetti. Nel 2010, secondo una ricerca della rivista di design Building UK, lo studio è presente nella classifica mondiale delle 100 maggiori società di architettura.