X
IT EN

DOMUS: FOCCHIGROUP&40TENTHAVENUE

Clicca la copertina per leggere l’articolo

9° Convegno Internazionale “Tall Buildings”, Milano

 

Il 25 giugno abbiamo partecipato come sponsor alla nona edizione del Convegno “Tall Buildings”, patrocinato da Council on Tall Building and Urban Habitat (CTBUH).

Secondo Aldo Norsa, già professore ordinario dell’Università Iuav di Venezia:

“Una tematica “trasversale” emersa è il contributo degli edifici al rinnovamento delle città favorendo la rigenerazione delle aree abitate più dense e problematiche. I problemi sono molteplici perché si diffondono forme di contaminazione  in cui convivono agglomerati urbani sterminati e architetture che salgono in altezza, non si integrano con l’ambiente, non si rapportano le une con le altre. Invece, per sviluppare una relazione fra morfologia urbana e tipologia edilizia (high-rise) è possibile conferire a quest’ultima un valore iconico con una qualità aggiunta d’inserimento. Quindi, per rapportarsi al contesto con forme architettoniche meno autoreferenziali che colgono le differenze dei luoghi per coniugare il moderno sapere tecnico attraverso un cambio funzionale e tipologico che risolve ogni tipo di problemi complessi. In sostanza il costruire in altezza si rafforza come paradigma della modernità, stimolante per i tre attributi che più lo caratterizzano: efficacia/efficienza, rapporto con la mobilità, non spreco di suolo.

Tra le considerazioni che fanno più riflettere, sviluppate all’Università Iuav di Venezia in collaborazione con il CTBUH, vi è la “sfida del tempo”, perché la corsa all’altezza (molto più frenetica nei Paesi emergenti) fa emergere con prepotenza la problematica della demolizione. Da uno studio del CTBUH sul centinaio di edifici alti demoliti sinora nel mondo si evidenzia che solo due lo sono stati per obsolescenza delle strutture mentre la causa principale è la fatiscenza, soprattutto funzionale. […] Infine, nei nove convegni “Tall Buildings” a completamento della progettazione architettonica si affrontano aspetti tecnologici specifici tra cui la citata “sfida del tempo” è declinata in termini di analisi dei costi dell’intero ciclo di vita consapevoli che l’obsolescenza funzionale è molto più veloce di quella tecnologica e richiede soluzioni nelle quali l’architettura e l’ingegneria sono in stretto contatto”.

Paolo De Paolis, Responsabile Corporate Support presso Allianz, parla dell’importanza di prendersi cura del benessere dei propri dipendenti.

“Noi, sarti di grattacieli su misura” il Resto del Carlino intervista Maurizio Focchi

IlSole24ore e le trasparenze del Gruppo Focchi

“Edilizia e Territorio” de IlSole24ore dedica la sua rubrica Progettazione e Architettura alla nostra ultima acquisizione: Infinity, il primo progetto del Gruppo a Liverpool.

Le facciate di Dollar Bay su Serramenti + Design

In questo approfondimento Omar Screpis, Project Design Manager del Gruppo, descrive le sfide progettuali del sistema di facciata del building Dollar Bay, Londra.

4 Kingdom Street: focus BIM su ARKETIPO nr. 127 Marzo

Nella rubrica “TRASPARENZE” un approfondimento sulla progettazione BIM Focchi per il progetto 4 KINGDOM STREET, Londra.

Serramenti + Design: approfondimento sul progetto Angel Court

 

La rubrica ‘progettazione’, del numero di questo mese di Serramenti + Design, è dedicata allo studio progettuale dei nostri componenti di facciata nel progetto Angel Court.

Cliccando sull’immagine è possibile accedere all’articolo.

Buon approfondimento!

 

 

 

 

 

 

 

Focchi Group tra le 100 realtà italiane che meritano di essere raccontate


100 Italian stories for future building
è la nuova ricerca condotta da fondazione Symbola e Fassa Bortolo che premia le migliori aziende italiane per ecosostenibilità ed innovazione.

Symbola, sotto la direzione di Domenico Sturabotti, si occupa di proteggere valori come qualità, ambiente, efficienza e risparmio. Il suo scopo è quello di conciliare il mondo economico con quello imprenditoriale ponendo l’ambiente e la conoscenza del territorio come principali protagonisti.

Proprio questo principio ha fatto acquisire il riconoscimento al nostro cladding.

Noi di Focchi Group, da sempre sentiamo il bisogno di coniugare sostenibilità ed innovazione.

FBP nasce in risposta a questa esigenza. La ESCo, prima nel suo genere in Italia, ha come obiettivo l’efficientamento energetico, sia per quanto riguarda gli edifici che per gli impianti industriali.

Ringraziamo Symbola per averci citato nella sua ricerca. Di seguito un breve intervento di Maurzio Focchi alla presentazione del libro.

 

Focus QI n.46 – intervento di Maurizio Focchi

La nuova frontiera della riqualificazione energetico-architettonica
degli edifici

Dalla sezione “innovazione e tecnologia” dell’ultimo numero FOCUS QI de Il Quotidiano Immobiliare

FBP -Future is a Better Place- al Convegno de ilQI

L’evoluzione del settore dei servizi guida, i processi di trasformazione delle attività di gestione e valorizzazione del building

 

Al Convegno “I servizi protagonisti del real estate” organizzato da il Quotidiano Immobiliare, di  giovedì 6 settembre presso l’Innovation Campus di Peschiera Borromeo, partecipa come relatore del panel “Riqualificazione e manutenzione” Gaetano Lapenta, MBA Candidate, Direttore Generale di FBP – Focchi Group.

Ecco le anticipazioni del suo intervento:
“Un patto tra progettisti, architetti e costruttori per garantire il massimo comfort e le massime prestazioni nel tempo. È questa la missione di FBP – Future is a Better Place, spin off del Gruppo Focchi dedicata alla riqualificazione energetica degli edifici direzionali e commerciali. Obiettivo primario sarà quindi quello di ridurre il gap tra chi progetta e chi realizza, arrivando a garantire, anche finanziariamente dove possibile, il risultato finale nel tempo. FBP utilizza innovativi strumenti diagnostici e predittivi e per affiancare passo dopo passo i professionisti del settore per ottimizzare le riqualificazioni edilizie. La garanzia, laddove necessario, si spinge fino ad un cofinanziamento mediante un vero e proprio contratto di performance, che include la manutenzione, il monitoraggio e la supervisione del sistema edificio-impianti.”

Al Gruppo Focchi l’involucro della nuova Torre Libeskind a CityLife

Il Gruppo Focchi torna a CityLife con la recente acquisizione dell’iconica Torre Libeskind – “Il Curvo”

L’articolo di Repubblica:

L’incontro con l’architetto Daniel Libeskind

Il comunicato stampa

La rassegna

Dollar Bay trionfa aggiudicandosi nuovi importanti riconoscimenti

La torre residenziale, di oltre 100 metri, torna a far parlare di sé!

Il 18 gennaio 2018 durante il London Planning Awards, la London First ha conferito a Dollar Bay il titolo di Best New Iconic Building ed il premio per l’Eccellenza nella Pianificazione Ambientale.

Questo è solo l’ultima conquista raggiunta da Dollar Bay, che negli ultimi due anni ha ottenuto anche i seguenti riconoscimenti:

London Evening Standard New Homes Award 2017: Home or Development of Outstanding Architectural Merit
London Design Award, Residential Constructed 2017
WhatHouse? 2017 – Best Luxury Development
WhatHouse? 2017– Best Interior Design (Penthouse)
BALI National Landscape Awards 2017- Hard Landscaping

Inoltre, progetto è in lizza per il World Architecture News (WAN) Tall Building Award, il cui vincitore verrà proclamato il 28 febbraio 2018.

Ancora una volta è un’emozione e siamo orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione del progetto con i nostri sistemi di facciata.

Serramenti + Design – BIM la rivoluzione silenziosa e le aziende italiane

Sul numero di Gennaio della Rivista SERRAMENTI+DESIGN, un interessante approfondimento sullo strumento BIM.

Contenute anche le interviste ai nostri tecnici Claudio Conti (Project Design Manager) e Simone Pinori (BIM Expert)

I nostri progetti BIM citati:

Battersea Power Station

12 New Fetter Lane

4 Kingdom Street

Qui la rivista digitale

Gruppo Focchi, nel 2018 ricavi in crescita del 60% – Il Sole 24 Ore

“innovazione e qualità spingono l’azienda riminese di progetti d’architettura che conta attualmente sette cantieri aperti nella sola Londra”

Estratto da Il Sole 24 Ore del 2 gennaio 2018

Il Gruppo Focchi sbarca negli USA – Il Sole 24 Ore

Il nostro A. D. Maurizio Focchi su Il Sole 24 Ore

2017-08-31 [14] Grattacieli Focchi a New York

Salva

Salva