Main Façade Technology
American Air Museum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur.

American Air Museum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur.

Norman Foster and Partners
Norman Foster and Partners
Norman Foster è nato a Manchester nel 1935. È considerato uno dei più rappresentativi esponenti dell'architettura High-Tech che concepisce la costruzione come opera d'arte tecnicamente organizzata. Studia architettura ed urbanistica alla Manchester University, laureandosi nel 1961. Nello stesso anno in cui si laurea, vince una borsa di studio della Henry Fellowship che gli consente di conseguire un Master in Architettura presso la Yale University, dove consegue il Master's Degree e incontra un altro studente inglese, Richard Rogers, anch'egli destinato a diventare un importante protagonista dell'architettura contemporanea. Al loro ritorno in Inghilterra (1963), Foster e Rogers avviano con Su Rogers e Wendy Foster uno studio con il nome di Team 4. Insieme progettano alcuni edifici residenziali e industriali, tra cui la Reliance Controls Factory a Swindon (1967). Nel 1967, Norman e Wendy Foster costituiscono lo studio Foster Associates, oggi Foster and Partners, con circa 500 dipendenti, con sede a Londra ed uffici a Berlino, Francoforte, Parigi, Hong Kong, Singapore, Tokyo. Dall'inizio dell'attività, lo studio ha ricevuto più di 220 premi e riconoscimenti e ha vinto 50 concorsi nazionali e internazionali. Lo studio di Foster a Londra (da lui disegnato e progettato) è diventato il punto focale di un'organizzazione responsabile di progetti in ogni parte del mondo. Foster & Partners è uno studio internazionale di design e di architettura condotto da Lord Norman Foster e da cinque soci: Spencer de Grey, David Nelson, Ken Shuttleworth, Graham Phillips e Barry Cooke.
American Air Museum

American Air Museum

La forma iconica è stata ottenuta a partire da una figura geometrica toroidale, con raggio maggiore di 277m e raggio minore di 63m.

Project Specs

  • Location: Duxford (UK)
  • Anno di completamento: 1997
  • Contractor: John Sisk & Son Ltd. U.K.
  • Foto: N. Atkinson/ R. Bryant/ Arcaid/ N. Young
SEE ON STREETVIEW

Sistemi utilizzati

American Air Museum

SISTEMI UTILIZZATI

Facciate continue (totalmente smontabile per cambio esposizione)

Montanti strutturali in acciaio H= 18 m

Modularità 3000 x 5500 mm

Designed by

Norman Foster and Partners Architetti

Live Project

L'American Air Museum di Duxford, vicino a Cambridge, progettato dagli architetti Foster & Partners e ingegneri Ove Arup & Partners, per volontà dell'Imperial War Museum, con l'obiettivo di realizzare un edificio in grado di contenere una collezione di aerei, che va dalla seconda guerra mondiale a quella del Golfo.

Il problema progettuale affrontato da Sir Norman Foster si presentava di difficile approccio, date le inusuali dimensioni degli oggetti: una collezione di 21 aerei tra cui il famoso B-52, che presenta un'apertura alare di 62 m ed un'altezza di 16 m.

Il risultato ottenuto è estremamente interessante. Colpisce per la sua essenzialità e la purezza delle forme e dei toni, ed in breve, è un mirabile 'gioco' tra forma e tecnologia. La forma è stata ottenuta a partire da una figura geometrica toroidale, con raggio maggiore di 277m e raggio minore di 63m. La soluzione formale così ottenuta confonde le dimensioni abnormi dell'edificio, specialmente se osservato da una certa distanza, rendendo leggero ciò che sarebbe pesante, proporzionato ciò che sarebbe abnorme. La facciata consiste in un settore circolare di 63 m di raggio, larghezza 90 m ed altezza massima 18 m, ed ha una modularità (3000x5500 mm di vetro chiaro) che camuffa i punti di riferimento e fa si che ci si accorga delle sue dimensioni solamente quando si è nelle vicinanze. La copertura, sormontata nella parte inferiore da uno strato d'erba, smaterializza l'edificio, specialmente in alcune condizioni d'illuminazione, creando l'illusione di un legame tra cielo e terra.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info