Main Façade Technology
Sheraton Hotel

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur.

Sheraton Hotel

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur.

Corradini, Serapioni, Raule architetti
Corradini, Serapioni, Raule architetti
Gli architetti Alfredo Corradini, Sandro Serapioni e Pierluigi Raule hanno collaborato con Focchi alla realizzazione dello Sheraton Hotel di Genova.
Sheraton Hotel

Sheraton Hotel

Lo Sheraton Hotel, all’interno dell’Aeroporto Internazionale Cristoforo Colombo, è il primo esempio di albergo aeroportuale in Italia. Le facciate garantiscono un abbattimento acustico eccezionale variabile dai 51 ai 60 dBA in funzione dell’orientamento (lato aeroporto – lato strada) e della destinazione interna dei locali.

Project Specs

  • Location: Genova
  • Anno di completamento: 1993
  • Foto: F. Brunetti
SEE ON STREETVIEW

Sistemi utilizzati

Sheraton Hotel

SISTEMI UTILIZZATI

Facciate montanti e traversi

Designed by

Corradini, Serapioni, Raule architetti Architetti

Live Project

Dormire in aeroporto, con novanta decibel esterni può essere un’impresa. E’ la sfida lanciata dalla compagnia Sheraton ai progettisti e ai costruttori del nuovo Hotel realizzato nell’aeroporto di Genova. Una sfida che la Focchi Spa ha raccolto.

Lo Sheraton Hotel, all’interno dell’Aeroporto Internazionale Cristoforo Colombo, è il primo esempio di albergo aeroportuale in Italia.

Le condizioni di partenza erano molto critiche e gli standard Sheraton molto rigidi sui livelli sonori interni. Per le facciate continue si doveva garantire un abbattimento acustico eccezionale variabile dai 51 ai 60 dBA in funzione dell’orientamento (lato aeroporto – lato strada) e della destinazione interna dei locali. La grande torre verde, con la quale gli architetti Alfredo Corradini, Sandro Serapioni e Pierluigi Raule hanno caratterizzato il progetto, è simbolo di questo rispetto ambientale, pur nelle condizioni critiche di un edificio all’interno dell’aeroporto. Le funzioni sono state sottolineate dal colore: verde su azzurro cielo per la parte notte; caldo e “terreno” il blocco di base per il servizi ed il Centro Congressi. La torre lamellare di 9 piani che forma il blocco camere, realizzata con una facciata continua strutturale verde, contrasta con la piastra di base (3 piani) che accoglie i servizi ed il Centro Congressi realizzata con il travertino naturale e caldi inserti in colore "noce".

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info